Comunita' Montana del Casentino - Provincia di Arezzo
RCC - Rete Civica del Casentino
Posizione nel sito: Home Page >> Comunicati stampa | Indietro
Nuova pagina 1

[DATA: 12/12/2012]
 
UN ANNO DI UNIONE
UN NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE IN CASENTINO CHE LAVORA PER I CITTADINI
Maggiori servizi – minor costi: sono gli obiettivi che il nuovo ente ha perseguito nel 2012 e continuerà a lavorare su questa strada anche nel 2013

L’Unione dei Comuni Montani del Casentino compie un anno. Dalla sua istituzioni ad oggi tante sono state le attività che l’ente ha intrapreso, a cominciare dalla stesura del nuovo statuto che oggi vede all’interno della giunta tutti i sindaci dei 9 comuni aderenti all’Unione. Così facendo anche le piccole municipalità hanno la loro rappresentatività e i sindaci giocano un ruolo determinante per lo sviluppo della vallata.
“Siamo convinti - interviene il Presidente dell’Unione Luca Santini - di aver fatto la cosa giusta, unire insieme risorse ha significato ottimizzare i costi e mantenere almeno lo stesso livello dei servizi sia di quelli già associati, come il sociale sia dei nuovi come il servizio di polizia municipale, ancora in fase di assestamento, che interviene a vantaggio della sicurezza dei cittadini. Voglio ricordare anche il terzo servizio fondamentale che è quello del catasto meno tangibile per la popolazione, ma molto importante per i professionisti che lavorano in Casentino. Inoltre l’Unione sta lavorando all’approvazione di un regolamento edilizio unico che riesca a coniugare la richiesta di semplificazione ad una giusta attenzione alla qualità urbana e al decoro del nostro territorio. In un momento così difficile per le istituzioni avere un ente, come l’Unione, di II livello che persegue gli interessi dei cittadini in questa fase è sicuramente determinante”.
Tra le azioni dobbiamo citare il bando sulle attività produttive che avrà un suo proseguo anche nel 2013 e 2014, interventi in favore dell’imprenditoria giovanile e femminile. Ricordiamo che per il 2012 sono stati erogati contributi a circa 60 aziende, nuove o che hanno riqualificato le proprie vetrine. inoltre si è lavorato al mantenimento e alla valorizzazione dei servizi di trasporto pubblico per le zone montane, grazie ad un rapporto stretto con le provincia e con un finanziamento regionale, verranno mantenuti i servizi di pullman per le piccole località del Casentino che sarebbero stati tagliati dal decreto nazionale.
“L’Unione ha cercato fin da sempre di salvaguardare gli interesse dei cittadino - continua il Presidente - come lo dimostra l’intervento per il mantenimento dei piccoli uffici postali, che avranno un orario ridotto, ma continueranno a svolgere un servizio importante per il mantenimento dell’insediamento nelle zone montane”.
La parola d’ordine è continuare a investire sulla cultura e sulla scuola, a mantenere in vita manifestazioni che hanno dato lustro al Casentino e servizi che in questi anni hanno raggiunto importanti risultati radicandosi sul territorio come il servizio Cred e la struttura eco museale.

E per concludere il Presidente sottolinea che “bisogna continuare in quello che abbiamo iniziato, lavorare per il mantenimento delle deleghe regionali, affinché le risorse restino a livello locale e conservare servizi determinanti come l’assetto del territorio e la protezione civile. E’ spesso luogo comune parlare dei costi della politica, ma credo sia opportuno parlare di sprechi nella pubblica amministrazione, per questo bisogna intervenire sulla struttura burocratica. All’interno dell’unione gli amministratori dal loro insediamento hanno dato vita ad una ristrutturazione dell’ente con una revisione dell’organigramma, mi riferisco alle posizioni dirigenziali, ridimensionando e razionalizzando le risorse che possono essere utilizzate per mantenere i servizi, un segnale che la giunta dell’unione vuol dare alla popolazione locale”.
Ufficio stampa Unione dei Comuni montani del Casentino
Silvia Pecorini
(inserito il: 12-12-2012 12:22:14)
Mostra tutti i Comunicati Stampa